Arrestate 7 persone per il porto di Balestrate

By on 4 giugno 2012
Balestrate

La Procura sospetta che sia stato utilizzato del cemento depotenziato per la costruzione del porto turistico. I reati sono di frode in pubbliche forniture, truffa, falso materiale e ideologico

I carabinieri di Partinico hanno  arrestato sette persone  perché sospettate di aver utilizzato del cemento depotenziato per la costruzione del porto di Balestrate. I reati ipotizzati sono: frode in pubbliche forniture, truffa, falso materiale e ideologico. L’indagine è coordinata dall’Antimafia di Palermo, invece i provvedimenti sono stati emessi dal giudice per le indagini preliminari di Palermo. Le ordinanze sono state emesse per persone residenti tra Palermo, Enna e Roma. Coinvolti, anche i tecnici impegnati nei lavori per il porto che avrebbero permesso l’uso di calcestruzzo non ha i livelli  di resistenza alla compressione fissati dalla legge sulle costruzioni, difforme, quindi, da quanto stabilito e indicato nei regolamenti di appalto e nel progetto. In manette, anche un funzionario, del Genio civile di Palermo.

L’attività investigativa si  collega ad un’altra indagine “Benny” scattata tre anni fa, che portò all’arresto di Benedetto Valenza, imparentato con esponenti del clan di Borgetto e precedentemente indagato per mafia e poi prosciolto, e di quattro imprenditori ritenuti suoi prestanome e operanti nel settore della produzione e trasporto di calcestruzzo.

Il progetto per la costruzione del Porto di Balestrate iniziò 50 anni fa, attualmente  è in costruzione, non è stato messo sotto sequestro perché non sono stati riscontrati  rischi di cedimento, fino ad oggi l’opera ha avuto un costo complessivo di 30 milioni di euro.

About Antonella Guglielmino

Laureata in Scienze politiche indirizzo politico internazionale. La sua esperienza nel mondo giornalistico inizia nel 2001, lavorando per dieci anni in una testata giornalistica siciliana. Oggi collabora assiduamente per il web magazine Lavika.