Alessandro Piperno vince il Premio Strega con “Inseparabili”

By on 6 luglio 2012
Piperno Premio Strega

«Mi ero rassegnato ad aver perso – ha detto Piperno – vivo un’emozione simile a quella di un derby. Questo è il mio derby. La cinquina di quest’anno era di alto livello, stimo molto gli altri autori di questo Strega»

Verdetto finale per il premio Strega al Ninfeo di Villa Giulia, a Roma. Al termine di una ravvicinata corsa a tre, vince Alessandro Piperno con Inseparabili. È stata una lunga corsa a tre che Piperno ha vinto di due soli voti (126 contro 124) nella «volata» finale rimontando su Emanuele Trevi, autore di Qualcosa di scritto, a lungo in testa, e staccando Gianrico Carofiglio, con Il silenzio dell’onda, terzo con 119 preferenze. Gli altri due autori in gara, Marcello Fois e Lorenza Ghinelli hanno ottenuto rispettivamente 48 e 16 voti.

«Mi ero rassegnato ad aver perso – ha detto Piperno – vivo un’emozione simile a quella di un derby. Questo è il mio derby. La cinquina di quest’anno era di alto livello, stimo molto gli altri autori di questo Strega».

Il pronostico della vigilia non era chiaro come in qualche occasione precedente. Unica indicazione di base, come sempre, i voti ottenuti quando la cinquina dei finalisti è stata definita il 13 giugno. A contendersi il premio Emanuele Trevi con Qualcosa di scritto (Ponte alla Grazie), entrato nella cinquina con il ruolo di favorito grazie 92 voti; Gianrico Carofiglio con Il silenzio dell’onda (Rizzoli) con 70 voti; Alessandro Piperno con Inseparabili (Mondadori, 68 voti); Marcello Fois, autore di Nel tempo di mezzo (Einaudi, 64 voti); e infine l’unica donna di questa edizione, Lorenza Ghinelli (38 voti) conLa colpa (Newton Compton).

Il rito si ripete anche se negli ultimi anni i cambiamenti voluti da Tullio De Mauro, presidente della Fondazione Bellonci e del Comitato direttivo del premio, hanno ampliato la la platea dei votanti con i «lettori forti» delle librerie che «quest’anno, da 30 sono passati a 60. Sono 60 persone sparse per l’Italia, quasi il 20% dei voti rispetto ai 400 tradizionali degli Amici della Domenica». Come da tradizione, il vincitore della passata edizione presiede lo spoglio dei voti. Ruolo che quest’anno tocca a Edoardo Nesi, Premio Strega 2011 con Storia della mia gente (Bompiani).

Serata affollatissima al Ninfeo di Villa Giulia, più degli ultimi anni. E prima del verdetto del voto, gli autori della cinquina dicono la loro, così come i molti invitati illustri. Trevi, che guida la cinquina con 92 voti, sottolinea: «Lo Strega è un premio pulito ma visto il numero dei votanti può succedere di tutto». Carofiglio, al tavolo Rizzoli con Paolo Mieli, è sorridente e rilassato: «È vero, quest’anno il premio è più vitale, più ricco di competizione e il livello credo sia alto» dice. Marcello Fois (Benvegnù – Guaitoli)

Piperno confessa: «Vivo questo momento con molta tranquillità. Sono pronto alla sconfitta e moderatamente preparato alla vittoria. È una cosa complicata da gestire». Sorridente Marcello Fois: «Mi sono molto divertito, mi piace. Non ho aspettative. È veramente un bell’anno per me che sono candidato ai due principali premi letterari italiani». Nessuna tensione per Lorenza Ghinelli: «Ho sempre un po’ vissuto ai margini del mondo letterario. È stato molto speciale entrare in cinquina».

About Salvatore Angemi

Presidente dell'Associazione culturale Lavika, Direttore responsabile del Lavika Web Magazine, giornalista e conduttore su Sestarete e TV Acicastello, Direttore artistico di Radio Velvet Lavika on air. What else?