“Ricordi rossazzurri”: Michele Manenti

By on 20 febbraio 2013
CATANIA

In compagnia del nostro esperto di Calcio Catania, Enzo Saitta, conosceremo meglio coloro che hanno fatto la storia dei rossazzurri: dal lontano anno della fondazione ufficiale del club fino alle attuali grandi stagioni in Serie A.

Quest’oggi Enzo ci riporterà indietro nel tempo di ben oltre mezzo secolo per presentarci un centrocampista, classe’28, che fu uno degli artefici della prima promozione in Serie A della squadra rossazzurra.

MICHELE MANENTI

«Correva la stagione 1953/1954 ed il Catania, del presidente Giuseppe Rizzo e del mister Piero Andreoli, militava in Serie B: campionato cadetto giunto alla sua ventiduesima edizione. Nella precedente stagione, i rossazzurri si piazzarono secondi in campionato a pari merito col Legnano. Per decretare chi tra le due squadre potesse esser promossa in Serie A, passano le prime due classificate, si ricorse allo spareggio che venne giocato a Firenze il 28 luglio del 1953. La squadra lombarda, nonostante fosse stata richiamata dalle vacanze, vinse contro i rossazzurri per 4-1: con la rete della bandiera per gli etnei realizzata da Quoiani. Tornando alla stagione 1953/1954, notiamo un Catania rivoluzionato con tanti volti nuovi: Marin, Bassetti, Pirola, Biancardi, Seveso. Oltre a questi giocatori, arrivò sotto le pendici dell’Etna anche un certo Michele Manenti che ricopriva il ruolo di centrocampista offensivo: prelevato dall’Empoli , in Serie C1, dove giocò soltanto una stagione con 22 presenze e 4 reti all’attivo  Manenti nasce a Milano il 13 ottobre 1928. Cresce calcisticamente nel Milan dove trova pochissimo spazio. Dal 1949 fino al 1952 sono i canarini del Modena che gli danno fiducia: con la maglia gialloblù ottiene ben 69 presenze e 31 rete. Dopo 3 anni in Emilia apre una breve parentesi all’Empoli . L’anno successivo si trasferisce in Sicilia per vestire la maglia rossazurra. Rimarrà a difendere i colori del Catania per due stagioni contribuendo alla prima promozione in Serie A del club dell’elefante. Il suo debutto avverrà il 13 settembre 1953 nel match contro la Salernitana giocato al “Cibali” e concluso col risultato di 0-0. Manenti coi rossazzurri totalizzerà 54 presenze e 18 reti: di cui 15 delle marcature realizzate nel campionato di Serie B che gli varranno il titolo di capocannoniere del torneo davanti a Franco Rosa del Pavia con 13 reti. La prima segnatura realizzata in Serie A con la maglia rossazzurra per Manenti, avvenne il 7 febbraio 1954 contro la Lazio allo stadio “Cibali”: match conclusosi sull’1-0 per i rossazzurri. Quella fu l’ultima stagione col Catania per il centrocampista milanese che si trasferisce a fine campionato ad Alessandria dove giocherà fino al 1960, quando decise di appendere gli scarpini al chiodo».

LA STAGIONE ROSSAZZURRA 1953/1954

In quella stagione il Catania disputò un grandissimo campionato di Serie B che vide i rossazzurri concludere l’andata come campioni d’inverno con 26 punti. Nel girone di ritorno, proseguì la grande cavalcata etnea con 15 risultati utili di fila: frutto di 7 vittorie consecutive che valsero la promozione in Serie A ottenuta con una giornata di anticipo nel match di Como. I rossazzurri arrivarono primi a 43 punti davanti alla Pro Patria a 41 punti che sarà successivamente promossa dopo aver vinto lo spareggio col Cagliari, arrivato secondo a pari punti, nel match che venne giocato a Roma e vinto per 2-0 dai lombardi.

Ecco la formazione titolare del Catania che conquistò la prima promozione in Serie A: Seveso, Baccarini, Bravetti, Bearzot, Fusco, Santamaria, Cattaneo, Manenti, Micheloni, Marin, Bassetti.

CLASSIFICA

About Orazio Ardizzone

Corrispondente di "Golsicilia" e conduttore di un programma sportivo radiofonico "Il Pallonaro", su Radio Base Misterbianco. Appassionato di sport, soprattutto calcio, cura su Lavika le notizie attinenti al calcio, non tralasciando la Serie A e le vicende del Calcio Catania.