Albergatori furiosi con i metereologi per il flop turistico pasquale

By on 5 aprile 2013
meteo domenica

Un periodo di crisi nera ed incassi utili prossimi allo zero per il settore turistico che ha subito una fortissima contrazione ed oltre al danno la beffa della speranza di una boccata di ossigeno in concomitanza del ponte pasquale, vanificata da previsioni meteo sbagliate

La Meteorologia non è una scienza esatta ma da qui a far passare come superficiali o campate in aria (giusto per restare in tema) le previsioni, ce ne passa. Del resto gli scenari cambiano e si evolvono e le variabili da prendersi in considerazione sono giusto un paio….

Potrebbe sembrare il solito “errore” di un piovasco improvviso non previsto, di quell’annuvolamento un pò più lungo e più esteso di quanto ci si aspettasse ma questa situazione ha invece portato a galla un sistema complesso che ha suscitato polemiche e l’intervento dello stesso produttore esecutivo del centro Epson Meteo che è stato fortemente accusato di fornire informazioni sbagliate e di aver creato un danno economico ingente.

Tutto è cominciato dopo il lunedì di Pasquetta, quando gli albergatori del Veneto hanno constatato che la flessione di visite ed incassi era dovuta proprio a quanto nei giorni precedenti era stato comunicato, attraverso i soliti canali di diffusione, dal servizio meteo.

Attraverso le parole di Patrizia Rinaldis, presidente dell’Associazione Albergatori di Rimini, si comprende quanto il danno economico non sia da sottovalutare: “Se facciamo un conto ‘della serva’, considerando 30 persone ad albergo per 2 giorni per 300 alberghi ad una media di 45 euro,direi che siamo sugli 800.000 euro; con l’indotto sul territorio si arriva sul milione di euro”.

Anche il Governatore della regione Veneto, Luca Zaia della Lega, non ci sta a subire questa situazione a causa della scarsa professionalità di chi si improvvisa il Bernacca del nuovo millennio e auspica quanto possa essere meglio un ritorno a semplicità di mezzi e continua: “non è possibile che per errori dei superesperti, paghino i nostri albergatori,.Con i nostri legalistiamo valutando ipotesi di richieste danni se i gestori di questi siti continuano su questa strada”.

Luigi Latini produttore esecutivo del centro Epson Meteo non ci sta: “Serve una regolamentazione, c’è troppa inesperienza” e proseguendo invita tutti ad una collaborazione: “sediamoci tutti intorno a un tavolo, noi di Epson, gli altri siti, il governatore Zaia, gli assessori e capiamo cosa di deve fare”. Tutti potrebbero fare previsioni, aprirsi un sito e sparare la qualunque. E questo è un danno per la credibilità di chi lavora seriamente. La soluzione è una regolamentazione, non un casta ma una serie di norme alle quali attenersi per mettere su un portale serio di previsioni. Servirebbe almeno un direttore responsabile laureato in fisica dell’atmosfera, un modello fisico matematico proprio, acquistare i dati ufficiali, certificati, che vengono dall’Inghilterra e avere un meteorologo che sappia leggere questi dati”. 

Secondo le previsioni anche questo fine settimana non regalerà su tutta la Penisola bel tempo e temperature miti e primaverili. Prima però di disdire il vostro tavolo prenotato in un agriturismo last minute, mettete il naso fuori dalla finestra e controllate se il vostro gatto si pulisce tre volte dietro le orecchie!

 

About Fabio Atzori

Titolare di una bottega di filosofia, sempre aperta e sempre disordinata. Scrivo perchè la comunicazione di emozioni ed esperienze aiuta a riflettere, ad imparare a crescere. Capo redattore per Lavika Mi trovate anche su www.kimmikunti.it