Lussuria vizio capitale: ne ha parlato Dante Alighieri, ecco cos’è

Lussuria vizio capitale: è molto vicino alla perversione. Ecco di cosa si tratta, perché è considerata come un vizio capitale anche nella Divina Commedia di Dante Alighieri

Lussuria vizio capitaleLa sensibilizzazione che al giorno d’oggi viene fatta in maniera sempre più importante e marcata in merito a temi come la ricchezza eccessiva e l’ostentazione di quella stessa ricchezza – che spesso è associata anche ad una condizione di avarizia, di chi vuol avere e tenere tutto per sé – è una condizione che fa parte dei sette vizi capitali raccontati da Dante.

Il noto poeta toscano, Dante Alighieri, infatti, all’interno della sua stessa Divina Commedia aveva parlato e raccontato dei sette vizi capitali che rappresentano e riguardano in maniera sicuramente decisa ed importante l’essere umano. E tra questi stessi vizi, egli aveva parlato anche della lussuria, che all’interno della terminologia poi inventata “Saligia”, è stata chiaramente inserita.

La l, tra i vizi capitali, indica infatti la lussuria: un istinto sessuale troppo marcato, che non conosce freni o appagamento. È questo il senso della vera lussuria: non tanto e non solo ostentazione di ricchezza, ma soprattutto una condizione di mancata inibizione nei confronti della sessualità, che spesso viene tra l’altro associata anche alla cosiddetta perversione.

Be the first to comment on "Lussuria vizio capitale: ne ha parlato Dante Alighieri, ecco cos’è"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*