Ospedale Reggio Calabria: la bufala della mancanza del gesso per le fratture

Ospedale Reggio Calabria: la bufala della mancanza di gesso al pronto soccorso dell’importante nosocomio ha riempito le pagine di tantissime testate locali e nazionali

Qualche giorno fa si è fatto notare un grave ed incredibile caso di malasanità calabrese: l’allarme era arrivato dall’osedale metropolitano di Reggio Calabria dove ignoti avrebbero fatto girare la voce che voleva un’assurda mancanza di gesso all’interno dei locali del pronto soccorso durante le ore notturne in cui era chiuso il reparto di ortopedia, per cui i medici si sarebbero visti costretti ad utilizzare cartoni da riciclo per bloccare gli arti dei pazienti interessati dalle fratture.

Ospedale reggio calabriaLa smentita della notizia che sembrerebbe quindi essersi rivelata una bufala sarebbe arrivata dal primario in persona del pronto soccorso Angelo Ianni che avrebbe dichiarato: “nel reparto di ortopedia dell’ospedale di Reggio Calabria il cartone non è uno strumento di cura né di medicamento». Il primario Angelo Ianni”

L’immagine che è stata riportata dai giornali proprio in questi ultimi giorni, che vedeva l’arto immobilizzato utilizzando un cartone, sarebbe riconducibile ad una medicazione sul luogo dell’incidente, dove ci si sarebbe trovati di fronte ad una sospetta frattura e prima di portare al pronto soccorso il paziente, si sarebbe bloccato l’arto interessato in maniera fortunosa.

Be the first to comment on "Ospedale Reggio Calabria: la bufala della mancanza del gesso per le fratture"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*