Coronavirus, caos in Sicilia

0

Messina
Stanotte si sono create file e file di auto sullo Stretto di Messina e il Sindaco della città minaccia di diffidare il governo.

”Questa mattina, afferma il Sindaco della città, ho visto foto e video di centinaia di macchine che attraversavano lo Stretto dalla Calabria per raggiungere la Sicilia”.
Il Sindaco Cateno De Luca informa i cittadini che sta preparando una diffida contro il prefetto di Messina, i questori, il prefetto di Reggio-Calabria e soprattutto contro il Governo nazionale. Egli vuole assolutamente sapere cosa sia successo stanotte e inoltre ha bisogno delle prove dei controlli fatti. ”Io oggi sarò lì, a costo di bloccare la nave.”

Sono settimane e settimane che i Presidenti delle varie Regioni che si trovano nel sud Italia denunciano gli spostamenti di massa che arrivano dal Nord. Oggi si trova la Sicilia al centro della ‘guerra spostamenti’ a causa del Coronavirus.
Inoltre De Luca si scaglia contro l’ordinanza emanata dal Governo ‘Dove siamo restiamo’ in quanto ”il testo lascia troppo spazio alle eccezioni”.
Il Sindaco inoltre afferma ”Stasera sarò lì, a costo di farmi arrestare, non permetterò atti vergognosi e farò un’ordinanza per bloccare il traffico sullo Stretto”.
Anche il Presidente della Regione Nello Musumeci si sfoga furioso su Facebook ”Il governo nazionale deve intervenire, non siamo carne da macello”.
Inoltre il governatore, insieme all’assessore dei Trasporti Marco Falcone, giorni fa ha chiesto un blocco dei trasporti partendo dai treni ma, domenica scorsa, anche questo provvedimento è stato annullato.
Il Sindaco di Messina aveva inoltre avvisato tutti che avrebbe chiesto l’aiuto da parte dell’esercito e così è stato infatti da stanotte sono arrivati i soldati in città e, da questa mattina, sono impegnati nei servizi di pattugliamento e affiancano le forte dell’ordine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I tuoi dati saranno utilizzati solo per preferenze sul sito qualora sia necessario inserire ulteriori commenti.