De Luca: ”Ad inizio Aprile ci saranno 3000 contagiati in Campania”

0

Coronavirus
Tramite una diretta Facebook il Presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, ha annunciato che i primi di aprile ci saranno 3000 contagiati.

Il governatore inizia la sua diretta accusando l’Italia di essere il Paese ”del mezzo mezzo e del fare finta”. Ad oggi la regione Campania conta 750 contagiati di cui 79 in terapia intensiva. La previsione che ci arriva dagli esperti è che a fine Marzo il numero di contagiati salirà a 1500 fino ad arrivare a 3000 agli inizi di Aprile con 140 persone in terapia intensiva. Il Presidente inoltre afferma di voler chiudere tutto e di militarizzare il Paese, a differenza del Governo.

L’ex Sindaco di Salerno rivela i due motivi per cui c’è stato un elevato aumento di contagi in Campania: il ritorno dei cittadini dal nord ma soprattutto l’inciviltà delle persone che ancora non capiscono la gravità della situazione.
Ciò che ci tiene a precisare è che bisogna assicurare innanzitutto la tutela ai malati ma soprattutto a medici ed infermieri in quanto se si dovesse arrivare al 20% dei contagi tra il personale medico tutto salta. Il suo appello in diretta Facebook è stare a casa in quanto se si dovesse andare avanti in questo modo non ci saranno più posti in ospedale.
Inoltre in questi giorni si è festeggiata la festa del papà e per strada i carabinieri hanno incontrato persone che vendevano zeppole di San Giuseppe.
E’ una bestialità totale” afferma il governatore.
Alla fine della sua diretta Facebook il Presidente informa i suoi cittadini che sta preparando due nuove ordinanze in via di definizione. La prima ordinanza riguarda la chiusura di tutti in cantieri, salvo quelli essenziale, mentre la seconda prevede la chiusura di quasi 550 comuni della Regione. Il governatore ha intenzione di chiudere tutto tranne i servizi essenziali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I tuoi dati saranno utilizzati solo per preferenze sul sito qualora sia necessario inserire ulteriori commenti.