ESTA Stati Uniti: il nuovo visto per gli USA

american-1209605_960_720Fino ad alcuni anni fa chi viaggiava verso gli Stati Uniti, per lavoro o per vacanza, poteva richiedere il visto turistico direttamente all’arrivo in aeroporto. Si trattava semplicemente di compilare un modulo, dichiarando di volersi fermare all’interno dell’Unione esclusivamente per motivi di svago, o comunque per un breve periodo di tempo. Alcuni trattati hanno ratificato la possibilità per i cittadini dell’Unione Europea di poter entrare negli Stati Uniti per un massimo di 90 giorni, anche per più volte nell’arco di 2 anni. Per poterlo fare è però necessario richiedere un apposito documento, chiamato ESTA.

Cos’è l’ESTA e a cosa serve

Di fatto l’ESTA Stati Uniti è un’autorizzazione elettronica per coloro che intendono entrare negli Stati Uniti e restarvi per un breve periodo di tempo. Non corrisponde in alcun modo a una cosiddetta Green Card, quindi non consente di risiedere all’interno dell’Unione per più di 90 giorni. Chiunque però intenda viaggiare negli USA, per svago, transito o anche per affari, deve essere munito di tale documento, pena l’impossibilità di varcare il confine. Per il turista in viaggio verso gli Stati Uniti è un interessante vantaggio, visto che l’ESTA si può richiedere comodamente da casa, anche con un buon anticipo sul viaggio. Durerà per 2 anni e permetterà di rimanere all’interno degli Stati Uniti per un massimo di 90 giorni ogni viaggio.

Sto andando a New York, mi serve l’ESTA?

Chiunque desideri entrare negli Stati Uniti, anche solo per transito, deve essere munito di ESTA. La richiesta non è correlata alla durata della permanenza negli USA, quindi anche chi desidera fermarsi solo 4-6 giorni a New York dovrà munirsi del documento. Per altro si tratta di un adempimento facile da assolvere, basta fare richiesta e attendere di avere l’OK.

Cosa serve per richiedere l’ESTA

Come prima cosa si deve evidenziare come l’ESTA sia disponibile solo per i cittadini degli Stati che hanno ratificato uno specifico trattato con gli Stati Uniti. La Comunità Europea fa parte di questi Paesi, quindi tutti i cittadini italiani possono fare richiesta. Dovranno però dimostrare di essere cittadini italiani, mostrando il proprio passaporto. Oltre a questo il Governo americano consente l’ingresso nel Paese solo a coloro che possiedono già un biglietto aereo per il ritorno. Non importa dove si voglia andare, quanto tempo ci si desideri fermare in ogni Stato degli USA, o anche che si decida di lasciare l’Unione non per tornare a casa, ma per recarsi in Asia, o in Canada. L’importante sta nel poter dimostrare di aver già prenotato per il ritorno, o per il viaggio verso un terzo Paese.

Può essere rifiutato?

L’ESTA è un documento che viene rilasciato senza grossi problemi; può però capitare che l’accesso agli USA sia rifiutato. In molti casi questo avviene perché chi ha compilato la modulistica lo ha fatto in modo superficiale, oppure perché il passaporto sta per scadere, entro meno di 6 mesi. Per evitare questi casi è importante verificare di aver indicato tutti i dati corretti, soprattutto per quanto riguarda il volo di rientro. Inoltre è importante controllare sempre la scadenza del passaporto, visto che anche chi viaggia verso altri Paesi che non siano gli USA si può trovare in questa situazione.

Quanto tempo ci vuole

In linea generale, se non ci sono problemi e in un “normale” periodo dell’anno, si ottiene l’ESTA in circa 72 ore, quindi in tre giorni. Per evitare qualsiasi tipo di problema è però consigliabile richiedere l’ESTA con almeno 7-12 giorni di anticipo rispetto alla data di partenza. Del resto questo certificato ha una durata di due anni, quindi non è necessario attendere l’ultimo secondo prima di richiederlo.

Be the first to comment on "ESTA Stati Uniti: il nuovo visto per gli USA"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*