Pareti divisorie: per rendere più funzionale l’ufficio

0

6 Uka-605-300x300In un buon numero di uffici gli spazi sono definiti da pareti in cartongesso, utilizzate per dare vita a stanze di varie dimensioni. Una volta posate le pareti, effettuare modifiche alle stesse è abbastanza complesso e costoso, oltre a costringere a spostare arredi e complementi, per fare spazio agli addetti. La soluzione innovativa, sempre più apprezzata in questi anni, consiste nell’utilizzare pareti divisorie, al posto del cartongesso. Più pratiche e facili da installare, sono personalizzabili sotto vari punti di vista e permettono di effettuare modifiche nel tempo, senza bisogno di opere dispendiose o complesse.

Cosa sono le pareti divisorie

Si tratta di pannelli, fisso o mobili, che consentono di creare spazi di qualsiasi genere, in tempi brevi e utilizzando materiali innovativi. Oggi le pareti di questo tipo dono disponibili in vetro, in materiale plastico, in metallo o in legno, offrendo a chi le desidera utilizzare varie possibilità di personalizzazione. Le pareti divisorie di nuova generazione offrono anche caratteristiche tecniche incredibili, quali ad esempio la fono assorbenza, anche per quanto riguarda le strutture in vetro.

I vantaggi delle pareti divisorie

I vantaggi di questo tipo di strutture sono vari, a partire dalla facilità di installazione. Sono disponibili anche strutture mobili, o scorrevoli, che permettono di modificare lo spazio ogni volta che se ne ha la necessità, ad esempio per allargare una sala conferenze. Lo spazio viene così suddiviso in modo più pratico e funzionale, con la possibilità di effettuare modifiche alle pareti, in alcuni casi senza bisogno di tecnici specialisti. I pannelli che compongono le pareti divisorie sono disponibili in differenti varianti, in modo da offrire la massima versatilità. Consentono, ad esempio, di creare una zona vetrata in qualsiasi punto del divisorio, per aumentare la diffusione della luce. Offrono anche una modalità più semplice di gestione degli impianti, che volendo possono essere nascosti in intercapedini poste all’interno della parete.

Quali pareti utilizzare

Sotto questo punto di vista le soluzioni disponibili in commercio sono moltissime. Le pareti divisorie sono infatti disponibili in differenti materiali, che possono essere anche mescolati tra di loro, per dare movimento e uno stile originale all’intero spazio abitativo. Oggi le pareti di questo genere si possono utilizzare negli uffici, ma anche per la suddivisione degli spazi all’interno di loft e grandi appartamenti open space, o show room commerciali. Ne esistono anche in versione mobile: ancorate temporaneamente al soffitto e al pavimento, le si può spostare all’evenienza, in modo da rimodulare gli spazi ogni volta che lo si desidera. Si deve anche considerare che le pareti divisorie si possono anche attrezzare, ad esempio con scaffalature o armadiature, in modo ad sfruttare lo spazio nella maniera migliore possibile.

Pareti divisorie in vetro

Rappresentano una soluzione utilizzata soprattutto nei grandi uffici open space. Consentono infatti di racchiudere lo spazio anche in zone in cui non sono disponibili finestre. I pannelli sono disponibili in versione trasparente, satinata o opalina: tutte permettono il passaggio della luce, consentendo però di avere più o meno privacy a seconda dei casi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

I tuoi dati saranno utilizzati solo per preferenze sul sito qualora sia necessario inserire ulteriori commenti.