World Superbike Olanda 2012: svetta Sykes con Kawasaki

By on 21 aprile 2012
Tom Sykes su Kawasaky ZX10-R

Sykes si ripete, terza poleposition su tre gare, bene Smrz e Rea

Equilibrio. Una semplicissima parola, ma importantissima all’atto pratico, in qualunque contesto, soprattutto nelle competizioni motoristiche. L’equilibrio è il segreto dietro ogni grande vittoria in World Superbike, non a caso il costruttore più vincente di sempre è la Ducati, quella che in generale, vista l’architettura motoristica, dispone di minor potenza, ma maggiore coppia e scelte ciclistiche molto spinte già nei modelli di serie. Equilibrio che “magicamente” sembra aver trovato uno dei costruttori giapponesi meno blasonati: la Kawasaki.

Con oggi, questa è la terza pole consecutiva della ZX10-R su tre gare, raggiunta con il pilota inglese Sykes dopo due giorni di prove rocambolesche causa pioggia, che porta di diritto Kawasaki in lotta per il titolo iridato, perché se come favorita abbiamo la solita Ducati con Checa (che domani partirà dalla quinta piazzola) e un evanescente Biaggi solo diciassettesimo su Aprilia, a causa di un errore fatto nelle libere di ieri, diventate valide come una vera e propria manche di Superpole, secondo le nuove regole in caso di qualifiche su bagnato.

In seconda piazza partirà il “funambolico” Rea su Honda, che come sempre in condizioni difficili (erano ancora presenti alcune chiazze di umido in pista) riesce a fare valere la propria sensibilita’ di guida. Terza e quarta posizione per le due Ducati del team Liberty, con Smrz e Guintoly. Quinto, come detto sopra, Checa, sesto Fabrizio su BMW, che riesce a precedere la BMW ufficiale di Haslam, solo settimo. La Suzuki comincia a vedere i frutti, con il rientrante Hopkins, che strappa l’ottava posizione, con un miracoloso secondo tempo in prima sessione di Superpole, non riuscendo poi ad andare oltre l’ottava piazza nella seconda.

Andando ad analizzare i tempi si potrebbe intuire che Kawasaki (un secondo più veloce degli altri in qualifica), dovrebbe essere la favorita per domani, ma bisognerà vedere se in queste settimane il team sia riuscito ad eliminare il vero tallone d’Achille della “Verdona”, il consumo troppo veloce delle gomme. Tutti gli appassionati sperano di si, per vedere sicuramente dedicata la vittoria a Lascorz.

About Alessandro Musumeci

Dato che tutti i miei punti di vista passano attraverso la visiera di un casco, su Lavika come naturale che sia scrivo di motomondiale e motociclismo a 360 gradi, e di tutte le competizioni che riguardano i motori.