Milano sospende la cittadinanza onoraria per il Dalai Lama

By on 21 giugno 2012
dalai lama

Dopo le forti pressioni arrivate dalla Cina, sospesa la delibera per concedere la cittadinanza onoraria al Dalai Lama. Per Milano si temono ripercussioni su Expo 2015. Mentana:”Vergogna!”

Il consiglio comunale di Milano ha deciso a maggioranza di sospendere la delibera per la concessione della cittadinanza onoraria al Dalai Lama. La retromarcia è arrivata dopo le pressioni arrivate direttamente da Pechino tramite il console cinese.

La concessione della cittadinanza onoraria a sua santità Tenzin Gyatso, prevedeva oltre alla consegna delle chiavi della città (come già accaduto a Roma Torino e Venezia), anche l’onore di poter parlare all’assemblea durante una seduta consiliare.

Sulla vicenda si è già espresso Giuliano Pisapia nel più abile politichese afferma che “una riflessione” del consiglio comunale, con “una manifestazione particolare in consiglio comunale” in omaggio al Dalai Lama è “la soluzione piu’ convincente e ragionevole”.

Le ripercussioni che si temono sono ovviamente a livello economico e riguarderebbero Expo 2015 dove la Cina avrebbe uno dei padiglioni più importanti. Lo stesso console cinese sarebbe stato visto varcare la soglia del municipio, diretto nell’ufficio del presidente Basilio Rizzo. E c’è anche chi racconta di un probabile interessamento internazionale della prefettura e, addirittura, della Farnesina.

Ancora una volta l’indignazione del web si accende pochi minuti dopo la notizia. Così Enrico Mentana:”Per salvare Expo 2015, che franerebbe senza i milioni di visitatori cinesi, Milano rinuncia a dare la cittadinanza al Dalai Lama. Vergogna!”

About Salvatore Costanzo

Nasce a Catania il 22 Maggio 1980, musicista, scrittore, freelance, entra a far parte dell'Associazione Culturale Lavika nel 2010. Direttore Editoriale e Segretario di Lavika, scrive di politica, economia e cronaca locale, ma sempre attento al tema sociale. Affascinato dalla cultura islamica e mediorientale.