Lubanga: 14 anni di carcere per crimini di guerra

By on 10 luglio 2012
Lubanga

Thomas Lubanga reclutava bambini soldato durante il conflitto inter-etnico nella regione Itur. La Corte penale internazionale ha finalmente riconosciuto e punito i crimini di questo signore della guerra

A Thomas Lubanga, 51 anni, leader di una milizia della Repubblica Democratica del Congo, è stata finalmente letta la pena definitiva: 14 anni di reclusione. Dopo 3 anni, 60 testimoni e una lunga serie di battaglie legali e mediatiche da parte di personalità politiche e del mondo dello spettacolo che si sono impegnate nella diffusione d’immagini e informazione, Lubanga è stato riconosciuto all’unanimità colpevole.

Questa è la sentenza definitiva del giudice Adrian Fulford dell’Aia che ha però concesso all’imputato l’attenuante d’aver collaborato con la Corte durante il processo. Inizialmente l’Accusa aveva chiesto 30 anni, commutabili in 26 nel caso in cui Lubanga si fosse “scusato sinceramente” con le vittime dei reati da lui commessi.

Le accuse a suo carico sono aberranti. In primis l’uomo è colpevole d’aver arruolato bambini di meno di 15 anni e di averli coinvolti in un conflitto armato durante i quattro anni di guerra civile nella Repubblica Democratica del Congo, terminata nel 2003.

Le prove hanno dimostrato quali fossero le crudeli prove a cui erano quotidianamente sottoposti. Impiegati, spesso, sotto effetto di stupefacenti maneggiano armi, agivano da vedetta, messaggero, spia o venivano utilizzati per piazzare esplosivi e per perlustrare eventuali campi minati, esposti perennemente a rischio di mutilazioni o della vita o addirittura barattati per scopi sessuali.

La condanna di Lubanga è solo il primo passo poiché nel mondo questo fenomeno è ancora largamente diffuso. Migliaia sono i minori impiegati ancora negli eserciti regolari e nei gruppi armati di opposizione in 85 paesi; più di 250.000 di questi prendono parte ai combattimenti in 35 paesi, e ben 120.000 solo nel continente africano.

http://www.child-soldiers.org/

About Rossana Russo

Laureata in Scienze della Comunicazione dal luglio 2010, ritiene il cinema la forma espressiva più completa. Negli ultimi anni ha sviluppato una profonda quanto allarmante dipendenza dalla settima arte.