Latest news

Coronavirus, Giuseppe Conte alla ricerca della ‘talpa’

DecretoIl Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in queste ultime ore ha deciso di sporgere denuncia in Procura per cercare di capire chi è la ‘Talpa‘.

Ricordiamo che la notte tra il 7 e l’8 marzo nel nostro Paese, soprattutto per quanto riguarda il Nord Italia, si è scatenato il panico per una bozza di decreto che qualcuno ha divulgato. Infatti il Decreto prevedeva la chiusura di alcune città definite ‘zone-focolaio’. La bozza, che ha iniziato a circolare proprio quella notte, ha causato il panico tra le persone che hanno preso d’assalto molte stazioni d’Italia, soprattutto quella di Milano, per far rientro nella propria città.
Il Presidente già in quei giorni aveva dichiarato di voler andare a fondo alla situazione per capire chi fosse stato il responsabile di tutto ciò.
La conferma è arrivata proprio qualche giorno fa, precisamente il 23 marzo 2020, a Palazzo Chigi. Infatti proprio durante un incontro per fronteggiare l’emergenza con l’opposizione Giorgia Meloni ha cercato di incalzare il Presidente del Consiglio chiedendogli se avesse trovato un modo per capire chi fosse stato a far circolare quella bozza in maniera così veloce tramite i social media.

Il Premier quindi fa capire che sporgerà denuncia in Procura anche se questo atto non è dei migliori in quanto ciò potrebbe creare un vero e proprio conflitto tra i politici.
Ricordiamo inoltre che la bozza del decreto era in mano esclusivamente alle Regioni interessate, agli uffici di Palazzo Chigi e ai Ministeri.
Infine Il Foglio scrive: “Un atto politicamente rilevante soprattutto ai fini della sicurezza nazionale, dal momento che, a seguito di quella fuga di notizie molte persone residenti in Lombardia si sono precipitati nelle stazioni per Paese per far ritorno nelle proprie città del Sud Italia”.
Quindi non ci resta che attendere nuove notizie dal Presidente del Consiglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I tuoi dati saranno utilizzati solo per preferenze sul sito qualora sia necessario inserire ulteriori commenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi